Emergenza coronavirus

Toscana in zona arancione dal 14/02/2021

Il Decreto legge del 13 gennaio 2021 e le disposizioni del Dpcm del 14 gennaio 2021 in vigore da sabato 16 gennaio fino al 5 marzo 2021 disciplinano le disposizioni in vigore sul territorio nazionale dal 16 gennaio al 5 marzo 2021.

Dal 14 febbraio 2021 la Toscana è in "zona arancione"

Di seguito una sintesi delle disposizioni valide per la nostra Regione a seguito dell'Ordinanza del Ministero della Salute e Anci Toscana.


Spostamenti in "zona arancione"

  • Divieto di spostamento dalle ore 22 alle ore 5, salvo per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute;
  • Divieto di spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diversi comuni e diverse regioni o province autonome, salvo per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute o studio;
  • E' consentito, in ambito comunale, lo spostamento verso una sola abitazione privata, una volta al giorno, nell'arco temporale fra le ore 5 e le 22, nei limiti di due persone ulteriori a quelle già conviventi (sono esclusi dal conteggio i figli minori di 14 anni e le persone disabili o non autosufficienti conviventi);
  • Per i comuni fino a 5 mila abitanti è consentito spostarsi, nell'arco temporale fra le 5 e le 22, in un raggio di 30 km (esclusi i capoluoghi di provincia);
  • Sempre consentito il rientro alla propria residenza, abitazione o domicilio* comprese le seconde case purchè di proprietà, in uso o in affitto da prima del 14 gennaio 2021; in base all'Ordinanza regionale n.3 del 22/01/2021 il rientro alla propria residenza, abitazione o domicilio in Toscana da territori di altre regioni o province autonome è consentito solo per coloro che hanno sul territorio regionale il proprio medico o il pediatra di famiglia (è sempre consentito il rientro motivato da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute o studio);

Domicilio*: si informa che il domicilio, ai sensi dell’art. 43 del Codice Civile, è costituito dal luogo in cui la persona abbia stabilito la sede principale dei propri affari e interessi. Il domicilio può non coincidere con la residenza (dimora abituale). La scelta del domicilio non segue nessuna formalità, ossia non richiede alcuna registrazione presso l’Ufficio Anagrafe. Di conseguenza il domicilio, a differenza della residenza, non è certificabile.


Ulteriori disposizioni in "zona arancione"

Bar e ristoranti

Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (ristoranti, bar, pub, pasticcerie, gelaterie etc.). E' sempre possibile la consegna a domicilio; l'asporto è consentito fino alle ore 22 per i ristoranti e fino alle ore 18 per bar e negozi di bevande al dettaglio.

Esercizi commerciali

Tutti aperti con i consulti orari. Restano chiusi nei giorni festivi e prefestivi, gli esercizi all'interno dei centri commerciali (ad eccezione delle  farmacie e parafarmacie, presidi sanitari, generi alimentari,prodotti agricoli e florovivaisti,  tabacchi, edicole e librerie).

Musei e sport

Musei e altri istituti e luoghi della cultura chiusi, ad eccezione delle bibioteche e degli archivi storici, dove i relativi servizi sono offerti su prenotazione..
Piscine, palestre, impianti sciistici, teatri, cinema chiusi. Sono consentite attività motoria e l'attività sportiva anche nei centri sportivi e nei circoli all'aperto esclusi gli sport 'di contatto'.

Scuole

Le scuole materne elementari e medie sono aperte in presenza presenza, come le scuole secondarie di secondo grado, ma con il 50% degli studenti.


Scarica Modello di dichiarazione per spostamenti


Link utili

Decreto Legge 12 febbraio 2021, n. 12

D.P.C.M. del 14 gennaio 2021 

Allegati al D.P.C.M. 14 gennaio 2021
D.L. 14 gennaio 2021 n. 2
Domande frequenti sulle misure adottate da Governo
 

 

Ultimo aggiornamento: Mar, 16/02/2021 - 09:12